tattoo

big tattoo | cover up | scritte e nomi | fantasy |


Origini del tatuaggio

tattoo maori XX secolo

Il tatuaggio (derivato dal francese tatouage, a sua volta dal verbo tatouer e questo dal termine anglosassone tattoo, adattamento del samoano tatau) è sia una tecnica di decorazione pittorica corporale dell’uomo, sia la decorazione prodotta con tale tecnica. Tradizionalmente la decorazione è destinata a durare per molto tempo, ma in tempi recenti sono state inventate tecniche per realizzare tatuaggi temporanei.

Il tatuaggio è stato impiegato presso moltissime culture, sia antiche che contemporanee, accompagnando l’uomo per gran parte della sua esistenza; a seconda degli ambiti in cui esso è radicato, ha potuto rappresentare sia una sorta di carta d’identità dell’individuo, che un rito di passaggio, ad esempio, all’età adulta.

 

 


Old school

I tatuaggi old school sono tra i più famosi. Dopo aver vissuto un periodo di sostanziale abbandono sono infatti tornati alla ribalta proprio negli ultimi anni.

E’ necessario sgombrare il campo da alcuni equivoci. Non sono infatti gli stessi tatuaggi che i marinai hanno continuato a farsi per secoli, ma una rivisitazione di quei temi marinari, tenendo in conto anche l’enorme avanzamento della tecnica con la quale vengono effettuati, che ha investito l’intero settore negli ultimi trenta o quaranta anni. Innanzitutto scartiamo il primo luogo comune.

A questo genere non appartengono soltanto i tatuaggi in stile nautico, ma anche quelli in genere utilizzati da gruppi di bikers (i motociclisti che avrete ammirato in Sons of Anarchy, per fare un esempio), cuori e rose che poco hanno a che vedere con la tradizione marinara, dominata principalmente da rondini, ancore, rose dei venti e pin-up.

 


American style

Lo stile di tatuaggio tradizionale americano, chiamato traditional o american style, negli ultimi anni sta riscuotendo un notevole successo di pubblico.

Lo stile American traditional  si definisce e si colloca con l’invenzione della prima macchinetta elettrica per il tatuaggio. O’Reilly l’inventore, il cui contributo alla professione arriva all’inizio del ventesimo secolo, quando modifica il meccanismo della casalinga macchina da cucire e agevola, cosi facendo, la procedura del tatuaggio.

Rose, rondinelle, pantere rampanti, teschi e pugnali stanno tornando in auge sulla pelle di chi apprezza il tatuaggio nel suo lato emotivo e romantico, meno mistico o tribale ma più genuino e istintivo.

PATRIOTTISMO, FEDE, AMORE, RANCORE E DELUSIONE,
comuni sentimenti raccontati con la semplicità di linee solide, forti sfumature nere di base e pochi ma contrastanti colori.

I viaggi e quindi le scoperte, la fede, gli amori e i dolori, le vittorie e le sconfitte, le passioni e l’odio, la vita in generale è quanto viene espresso in questi tatuaggi.

 


Messican tattoo

Gang, sole, colori accesi. Sono questi gli ingredienti del mix che risponde al nome di tatuaggi messicani con il teschio, un tema che è diventato tra i più utilizzati non solo dagli uomini di malaffare di Città del Messico, ma anche incredibilmente da donne e uomini del nostro continente.

Sono bellissimi, coloratissimi e popolarissimi. Il tatuaggio con il teschio messicano è un tatuaggio che si rifà a una simbologia molto profonda. L’input è quello del giorno dei morti, che in Messico si protrae dal primo al due novembre. Il primo giorno si ricorda la morte dei bambini, e proprio durante questa ricorrenza vengono serviti dei dolcetti a forma di teschio che sono la matrice di questi splendidi tatuaggi.

Un significato di ricordo, di afflizione, del quale si sono però appropriate le gang criminali messicane, gettando la loro cupa ombra su un simbolo altrimenti estremamente popolare. Questo non è un buon motivo però per evitare di farsi un tatuaggio del genere.


fissa un appuntamento


consigli per la cura del tatuaggio

– Rimuovere la pellicola Massimo 2 ore dopo aver terminato il tatuaggio.
– Lavare il tattoo con acqua fresca e sapone neutro e massaggiare bene fino a togliere tutti i residui di inchiostro e crema.
– Asciugare il tatuaggio tamponandolo bene
– Applicare un lieve strato di bepanthenol e massaggiare bene con tutta la mano fino a che il bianco della crema è completamente assorbito.
– Ripetere le operazioni 2 e 3 non appena svegli la mattina, applicare 3 – 4 volte al giorno la crema e tenere scoperto
– Dal terzo giorno basterà continuare a mettere la crema fino alla guarigione.

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE:

Il tatuaggio è una ferita e come tale va curata con accuratezza e dedizione.
Qualora si presentasse un problema con la guarigione, contattare lo studio e il tatuatore per la soluzione e non terze persone.
Tornare il giorno seguente a studio per far vedere se il tattoo sta guarendo bene, non è un obbligo ma una scelta intelligente.
Per i primi venti giorni il tatuaggio non va esposto al sole, al cloro, alla polvere e a tutto ciò che potrebbe danneggiare o provocare un infezione alla ferita.
Non togliere eventuali pellicine sul tatuaggio ma massaggiare bene con la crema.
Il tempo di guarigione di un tatuaggio è in media di un mese.
Chiedere sempre al tattoo artist non agli amici.

 

 

 

condividi