piercing

Piercing o body piercing (dall’inglese to pierce, “perforare”) indica la pratica di forare alcune parti superficiali del corpo allo scopo di introdurre oggetti in metallo (talvolta ornati con pietre preziose), osso, pietra o altro materiale, quale ornamento o pratica rituale.

Si effettuano piercing in diverse zone del corpo quali: lobo dell’orecchio, sopracciglio, narice e setto nasale, labbro, lingua, capezzolo, ombelico e organi genitali(glande, prepuzio e scroto nell’uomo; piccole e grandi labbra, prepuzio clitorideo e Monte di Venere nella donna).

Sono davvero tante le tipologie di gioielli che possono comporre il piercing.

“Barbell o straight barbell” è composto da una barretta e due palline che hanno la funzione di bloccare il piercing evitando fastidiosi movimenti. Questo particolare gioiello compone il Nipple Shield: un piercing di varia grandezza che si applica sul capezzolo con un barretta di bloccaggio ed il D-Ring che si compone anch’esso da una piccola barretta con un segmento a forma di lettera D, anche questo gioiello è spesso utilizzato per il piercing al capezzolo.

Il “Ball closure ring” consiste in anello che viene chiuso all’estremità da una pallina; questa applicazione è spesso utilizzata per quello al setto nasale ed al lobo.

Il “Circular barbell” è un anello aperto con due palline che chiudono le due estremità mentre il “Labret Stud” consiste in una barretta con l’estremità piatta che ferma il gioiello.

I “Plug” ed il “Flesh Tunnel” sono rispettivamente dei gioielli pieni che consentono l’allargamento del foro mentre il secondo è internamente vuoto.

 

prenota un appuntamento

Tutti i gioielli sono composti da materiali che, come detto, sono realizzati appositamente per preservare la salute. Nonostante ciò devono essere applicati con molta attenzione ed esclusivamente da personale esperto con materiali adeguatamente sterilizzati, il rischio di incorrere in gravi infezioni è, infatti, sempre dietro l’angolo.

 

condividi